dopo la tempesta all'orizzonte si profila il sereno
dopo il danno il giusto risarcimento
« Indietro

Sicurezza sul lavoro: esempio DVR ai sensi del D.Lvo 81/2008

Ultimo aggiornamento: 16/10/2011

Ecco il DVR del mio studio medico-legale di Via Ragusa 4 in Milano.

 

Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) ai sensi dell’art. 28 et al. del DLvo 81/08.

 

Unità produttiva: Studio medico-legale di Via Ragusa 4 in Milano.

 

Titolare: Dott. Mario Corcelli.

RSPP: nella persona dello stesso Titolare.

Nello studio opera, oltre al titolare, la Sig.ra Daniela Zerial, a rapporto libero-professionale, con le mansioni tipiche di un ufficio simil-amministrativo (compiti di segreteria telefonate, ricevimento clienti, agenda appuntamenti) e di pulizia dei locali.

Struttura. Lo studio è situato al piano rialzato; è composto da nr 4 locali: un piccolo atrio d’ingresso, una sala di attesa, una sala visita, un bagno, per complessivi mq 50.

Descrizione dell’attività: visite mediche con finalità medico-legale, senza manipolazione di liquidi biologici di alcun genere.

Rischio infortuni. Lo studio è dotato di finestre come di norma, le quali sono munite di grate fisse in ferro, che evitano il rischio di intrusione dall’esterno o di precipitazione, volontaria o accidentale, dall’interno.

Le pareti ed il pavimento non presentano ostacoli di sorta né tappeti sdrucciolevoli, perciò è assente ogni rischio di caduta o di contusione contro spigoli rigidi.

Gli arredi sono funzionali all’attività dello studio, non presentano sporgenze pericolose, in particolare lungo il camminamento delle persone, compresi i bambini.

Nell’atrio è situato un armadio-ripostiglio che non presenta spigoli di sorta; tale armadio contiene materiale vario necessario all’attività dello studio (rotoli di lenzuolino-medico di carta), di materiale di toilette (carte e rotoli igienici), di detersione-pulizia (flaconi di detersivo commerciale), l’aspirapolvere; per motivi di sicurezza, tale armadio è chiuso mediante catenina e lucchetto e viene aperto solo nei periodi della giornata in cui nello studio non sono presenti clienti.

Le sedie, di materiale plastico, sono stabili e consentono una seduta sicura e senza rischio di caduta.

Nella sala visita, avanti alla scrivania del titolare, è sistemato un divano in stoffa; tale divano è ricoperto da un telo di cotone removibile, che viene periodicamente lavato e igienizzato.

Lo studio non è munito di alcuna scala portatile; perciò è escluso ogni rischio di caduta dall’alto.

L’illuminazione è soddisfacente e confortevole; le finestre sono munite di tende per un maggior conforto visivo.

Il microclima è assicurato da impianto di riscaldamento invernale condominiale e i ricambi d’aria vengono effettuati mediante l’apertura manuale delle finestre; non esiste un impianto di condizionamento dell’aria; lo spessore delle pareti, in ogni caso, garantisce una temperatura anche estiva confortevole ed eventualmente si ricorre all’ausilio di ventilatori portatili disposti in posizione di non intralcio e dotati della sicurezza del costruttore.

La pulizia dei locali viene effettuata dalla Sig.ra Zerial, nelle giornate di attività dello studio, tramite un aspirapolvere di tipo domestico e almeno una volta la settimana a umido; in ogni caso, la pulizia viene effettuata in periodi della giornata in cui non è presente in studio nessun cliente.

Le tende vengono asportate e lavate periodicamente; alla loro rimozione e riapplicazione provvede direttamente il titolare dello studio mediante una scala portatile a compasso, sistemata nella cantina condominiale.

Apparecchi elettrici. Nello studio non sono presenti apparecchi elettromedicali, ma solo un personal computer desktop, e due stampanti (una laser e una a getto d’inchiostro), sistemati al lato sinistro della scrivania del titolare dello studio ed un diafanoscopio affisso alla parete in posizione di non intralcio.

Un computer portatile è situato su un piano scrittoio in sala d’attesa, ad uso della Sig.ra Zerial.

Rischio di folgorazione. Tutti gli apparecchi elettrici (computer, stampanti, telefoni cordless) sono allacciati alla rete elettrica dello studio con fili di collegamento alle prese che non costituiscono alcun intralcio al camminamento. La conformità della rete elettrica dello studio alle norme di sicurezza è stata certificata da professionista abilitato (vedi certificazione allegata).

Altri rischi. Nello studio è assente ogni altro dispositivo elettrico produttore di vibrazioni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, atmosfere esplosive ed ogni altro agente fisico dannoso per la salute.

Rumore. Tutte le apparecchiature elettriche dello studio, comprese le stampanti, emanano bassi livelli di rumorosità; pertanto, si esclude ogni rischio di rumore.

A parte i comuni detersivi usati per la pulizia dello studio e conservati chiusi a chiave nell’armadio-riposiglio posto in atrio, è assente ogni sostanza chimica pericolosa o cancerogena/mutagena.

Rischio biologico. Nello studio non vengono manipolati in alcun modo liquidi biologici, in particolare materiale contenente o sporco di sangue; il rischio biologico presente in studio è sovrapponibile a quello della popolazione comune, derivando soltanto dall’esposizione delle goccioline di flugge da parte dei clienti che transitano nello studio; pertanto, non è necessario alcun dispositivo di protezione individuale, come guanti o mascherine.

Videoterminali. La Sig.ra Zerial è addetta, tra le altre mansioni, all’uso del computer per un numero medio di circa 10 ore settimanali; pertanto, non esiste un rischio dall’uso di apparecchi videoterminali.

Rischio di incendio. Date le piccole dimensioni dello studio e l’assenza di ogni attività pericolosa, il rischio di incendio è basso e in ogni caso l’evacuazione di persone eventualmente presenti nello studio, di minima numerosità, sarebbe agevole e rapida; non si ritiene necessario alcun particolare piano di emergenza in caso di evacuazione antincendio. Lo studio è dotato di un estintore portatile a norma del DM 10.3.1998, ubicato a vista nell’atrio di ingresso e sovrastato da segnaletica regolamentare e in posizione di non intralcio.

La porta di uscita (che è pure quella d’ingresso) è dotata dell’apposita segnaletica regolamentare.

Smaltimento rifiuti. In assenza di materiale biologico e di sostanze chimiche pericolose, i rifiuti dello studio sono di tipo domestico (carta, plastica, vetro, raro materiale organico come avanzi di caffè e di cibo); vengono portati nei contenitori comuni posti nel cortile condominiale, secondo le regole della raccolta differenziata comunale.

 

IN CONCLUSIONE, dall’analisi sopra effettuata, non emerge alcun particolare tipo di rischio lavorativo; pertanto:

. non si rende necessaria la dotazione di alcun dispositivo di protezione individuale (DPI);

. non è obbligatorio un sistema di sorveglianza sanitaria (peraltro, anche se lo studio fosse dotato di un lavoratore dipendente, non vi sarebbe obbligo di nominare un Medico Competente).

. non è obbligatoria la redazione di un Documento Unitario di Valutazione dei Rischi di Interferenza (DUVRI).

. non è obbligatoria la redazione di un Piano Operativo per la Sicurezza (POS), da dare a personale di ditte esterne che eventualmente accedano nello studio per lavori di manutenzione.

Poiché nello studio non lavora personale dipendente:

. non è obbligatoria la nomina di un Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza (RLS) e quindi non sussiste obbligo di segnalazione telematica all’INAIL da farsi entro il 31 marzo di ogni anno.

. non è presente un Registro Infortuni.

 

Firma del Titolare dello Studio ………………………………………………………………

 

Questo documento viene auto-spedito mediante Posta Certificata (data certa).

 

============================================================================

Solo ove sussista questa condizione: presenza di personale dipendente ma nessun rischio:

il presente documento è stato redatto in collaborazione con il Responsabile Servizio Prevenzione Protezione (in caso di RSPP esterno) previa consultazione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).

Firma del Titolare dello studio  ………………………………………………………………

Firma del RSPP (se diverso dal Titolare dello studio)  …………………………………..

Firma del RLS  …………………………..…………………………………………………….

============================================================================

Solo ove sussista questa condizione: presenza di personale dipendente e almeno 1 rischio:

il presente documento è stato redatto in collaborazione con il Responsabile Servizio Prevenzione Protezione (in caso RSPP esterno) e con il Medico Competente, previa consultazione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS).

Firma del Titolare dello studio  ………………………………………………….

Firma del RSPP (se diverso dal Titolare dello studio)  ………………………

Firma del RLS  …………………………..………………………………………..

Firma del Medico Competente (ove previsto) …………………………..…….

Firma del RLS (ove previsto) …………………………..…………………….....

Scarica il pdf dell'articolo

Riferimenti:

http://medicolegale.accomazzi.net/showPage.php?template=articoli&id=16